pattoperlalettura.jpg

Patto locale per la lettura

In questa direzione, con delibera di Giunta Comunale n.25 del 31/03/2022, si posiziona l'adozione da parte dell'Amministrazione comunale del “Patto per la Lettura del Comune di Guagnano”, quale strumento strategico per riconoscere la lettura come un valore sociale fondamentale, da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta di soggetti pubblici e privati presenti sul territorio che considerano i libri e la lettura risorse strategiche su cui investire con l’obiettivo di migliorare il benessere individuale e dell’intera comunità, favorendo la coesione sociale e 

stimolando lo sviluppo di pensiero critico della cittadinanza.

La Legge 13 febbraio 2020, n.15 “Disposizioni per la promozione e il sostegno della lettura”, all’art. 3, istituisce lo strumento strategico dei “Patti locali per la lettura”; i Comuni, attraverso la stipula dei Patti, coinvolgono soggetti pubblici e privati del territorio interessati alla promozione della lettura e, così facendo, aderiscono e partecipano al “Piano d'azione nazionale per la promozione della lettura”, il documento di programmazione per il sostegno alla lettura, redatto dal Ministro della Cultura, di concerto con il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca; il Patto per la lettura è promosso dal Centro Nazionale per il Libro e la Lettura (CEPELL), un istituto autonomo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali che ha come obiettivo l’attuazione di politiche di diffusione del libro e della lettura in Italia e di promozione del libro, della cultura e degli autori italiani all'estero.

I soggetti aderenti

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

Come aderire

Chi è interessato ad aderire potrà compilare e sottoscrivere la manifestazione di interesse allegata qui, inviandola al seguente indirizzo email  biblionegroamaro@imagocoop.it unitamente alla copia di un documento di identità valido del sottoscrittore.

La biblioteca trova il suo senso solo là dove una comunità la riconosce come un «bene comune».